Stanza dei giochi

Home  /  Il Museo del quotidiano  /  L’esposizione  /  Il museo  /  Stanza dei giochi

Al primo piano della museo due porte: una per accedere alla stanza dei giochi, l’altra per entrare nel granaio. Anch’esse, come tutte le altre del museo, sono utilizzate come pannelli con insegne e cartelli perché, nell’economia espositiva del museo, nemmeno questi spazi sono sprecati.

Nella stanza dei giochi esposti alle pareti e al soffitto occhieggiano i giocattoli costruiti dai bambini – in particolare dagli alunni di Guatelli – utilizzando materiali poveri e di scarto come scatole di latta, schegge di legno, castagne, noci, ecc. A questi giocattoli e piccole sculture, alcune prodotte da Guatelli stesso negli anni Ottanta, sono stati affiancati giochi realizzati da adulti per il museo, recuperando l’immaginazione e la creatività dell’infanzia. Molti di questi sono semplici ed essenziali imitazioni di attrezzi e macchine agricole che i ragazzi vedevano utilizzare dai genitori nelle loro attività quotidiane.

Altri oggetti particolari sono presenti nella camera dei giochi e in altre stanze del museo che testimoniano attività ricreative: animali imbalsamati, topi rinsecchiti, pelli di coccodrillo la cui funzione non è di ricordare improbabili stanze delle meraviglie, ma di sollecitare l’esercizio dell’immaginazione proprio dell’attività ludica, come della visita al museo Guatelli.

visitaci

Tutte le informazioni per visitare il Museo Guatelli: orari di apertura, tariffe, come raggiungerci, dove mangiare...

SEGUICI SU
Immagini di Mauro Davoli, Paolo Candelari  -  Testi di Mario Turci, Pietro Clemente, Jessica Anelli, Francesca Fornaciari
© 2011-2021 Fondazione Museo Ettore Guatelli. Tutti i diritti riservati.  Privacy policy  -  Cookie policy