La camera che non c’è più

Home  /  Il Museo del quotidiano  /  L’esposizione  /  Il museo  /  La camera che non c’è più

Bruciata in un incendio dovuto ad un cortocircuito nel febbraio del 1996, conteneva valigie e mobili pieni di vestiti e biancheria, foto, registrazioni, stampe, piccoli archivi familiari e santini, libri da messa, diari, ecc.

Purtroppo, dell’allestimento, così come dei documenti contenuti nella stanza è sopravvissuto poco. Dalle ceneri di questa memoria andata in fumo in una notte, è nata però un’attenzione maggiore da parte degli enti pubblici e della popolazione.

Guatelli infatti nel volume “Il Bosco delle cose” ricorda come molti accorsero in suo aiuto: “Ragazzi e ragazze delle medie, con i loro professori, a mettere fogli bianchi fra i libri a impedire che, asciugandosi, le pagine si attaccassero. Pensionati a scavare tra le macerie a tirar fuori documenti…Gente che non ho neanche visto, o visto per un attimo e che magari mi aveva visto solo in televisione. Protezione Civile, il Comune, il sindaco, qui di primo mattino, la Provincia, la Sovrintendenza a Beni Culturali di Parma, intervenuta senza essere richiesta con personale che ci ha ripristinato cose preziose e ci ha insegnato a salvare la gran massa di giornali, riviste, libri, vocabolari, fotografie, cassette, videocassette, negativi, ecc…

visitaci

Tutte le informazioni per visitare il Museo Guatelli: orari di apertura, tariffe, come raggiungerci, dove mangiare...

SEGUICI SU
Immagini di Mauro Davoli, Paolo Candelari  -  Testi di Mario Turci, Pietro Clemente, Jessica Anelli, Francesca Fornaciari
© 2011-2021 Fondazione Museo Ettore Guatelli. Tutti i diritti riservati.  Privacy policy  -  Cookie policy