Il museo

Home  /  Il Museo del quotidiano  /  L’esposizione  /  Il museo

Sono una decina le stanze allestite, di cui la metà circa in quella che era la casa di Guatelli. Le altre, che costituiscono la parte vera e propria del museo (dove campeggiava la scritta “Il museo è qui“), si trovano nel granaio e nei locali ad esso adiacenti.

Il museo

Il museo ha una storia interna di allestimenti progressivi in contesa e in complementarietà con le attività rurali e domestiche che si svolgevano nel podere e nella casa abitata dalla famiglia Guatelli. Il museo nasce, con qualche tavolo e pochi oggetti appesi, nel granaio della casa colonica quando ancora le granaglie riempivano questi ambienti e i Guatelli coltivavano come mezzadri il fondo agricolo.

Da quel momento il museo invade progressivamente tutti gli spazi della casa anche quelli abitati, mentre le attività contadine diminuiscono gradualmente, lasciando il posto agli oggetti e alle testimonianze legate ad essi. Anche i nomi delle stanze si sono trasformati nel corso del tempo fino ad apparire come il risultato dell’unione tra la destinazione privata dei locali e quella museale (es: la “camera della zia”, divenuta poi la “stanza dei vetri”).

Si tratta quindi di una collezione unica, aderente ad uno spazio privato che diventa rappresentativo del territorio e dei ceti sociali meno abbienti che lo hanno abitato.

I magazzini sono ovunque, nel vecchio fienile, nella stalla, sotto il portico, ecc. Sono depositi visibili dove regna il caos che fa da contrappunto all’armonia delle pareti accuratamente allestite dell’interno.

Clicca qui per prendere visione degli orari di visita del Museo!

visitaci

Tutte le informazioni per visitare il Museo Guatelli: orari di apertura, tariffe, come raggiungerci, dove mangiare...

SEGUICI SU
Immagini di Mauro Davoli, Paolo Candelari  -  Testi di Mario Turci, Pietro Clemente, Jessica Anelli, Francesca Fornaciari
© 2011-2019 Fondazione Museo Ettore Guatelli. Tutti i diritti riservati.  Privacy policy  -  Cookie policy