Intervista a Franco Ferrero

Home  /  Blog ed Eventi  /  Guatelli Contemporaneo  /  Intervista a Franco Ferrero

#guatellipeople
Franco Ferrero
Master Artist “OWIO – museum’s residency”

 

Sappiamo che fai parte del collettivo artistico “Eredi Brancusi”. L’idea della memoria e dei frammenti storici sono elementi che caratterizzano la vostra poetica: trovi nel Museo Guatelli una connessione con il vostro lavoro?

Esiste certamente una parentela con Ettore, qualcosa che ti fa riconoscere un simile. Mi sono occupato della memoria in un modo diverso, inventandola quando era necessario per poter raccontare una storia. Perdere la memoria è perdere l’anima e io credo che inventarla sia a volte necessario. Amo i frammenti, di qualunque genere siano, e mi è difficile resistere alla tentazione di metterli al sicuro, di avvicinarli per cercare un senso.

Come descriveresti la sensazione che hai provato quando sei entrato per la prima volta al Museo Guatelli? Il Museo corrispondeva a quanto ti eri prefigurato guardando solamente le fotografie che lo ritraevano?

La prima sensazione provata nel visitare il museo è stata di paura, quel brivido leggero che ti mette in guardia perché sai che non ti potrai e non ti vorrai ritrarre. Le fotografie non possono rendere l’atmosfera di polverosa contaminazione, l’impressione che tutto ciò, per Ettore, non potesse essere detto diversamente.

Il ruolo di Master Artist non deve essere stato semplice da condurre… Durante la residenza d’artista “OWIO – museum’s residency”, come hai sviluppato il tuo percorso con i tre artisti e cosa ti senti di aver visto nascere?

Mi piace incontrare i curiosi, vederli immergersi in relazioni inusuali con oggetti, luoghi e luci lontane. I tre artisti che hanno partecipato a questa esperienza si sono dimostrati disponibili ad ascoltare il mio modo di filtrare la realtà. Ho deciso di concentrare il nostro lavoro esplorando le ragioni che potrebbero aver condotto Ettore a produrre la sua operazione. A me interessa produrre domande e credo di esserci riuscito.

Spero che ognuno di loro porti nella propria opera qualche frammento delle nostre conversazioni.

_______________________________________________________________________________

www.facebook.com/GUATELLIcontemporaneo

www.instagram.com/guatellicontemporaneo

 

SEGUICI SU
Immagini di Mauro Davoli, Paolo Candelari  -  Testi di Mario Turci, Pietro Clemente, Jessica Anelli, Francesca Fornaciari
© 2011-2017 Fondazione Museo Ettore Guatelli. Tutti i diritti riservati.  Privacy policy  -  Cookie policy